Back to top

Come funzionano i Container e Kubernetes

Modularità e scalabilità con i Pod

I container stanno diventando lo standard nel packaging e deploy di codice applicativo. Questo grazie al fatto che i container risolvono naturalmente moltissimi problemi dei tool classici di build e deploy; inoltre i container ci offrono la possibilità di ripensare a come distribuiamo i nostri applicativi.

Modularità e scalabilità

Come le Service Oriented Architectures (SOA) incoraggiavano la decomposizione delle applicazioni in servizi modulari e disaccoppiati, così i container incoraggiano l’ulteriore decomposizione di suddetti servizi in container modulari che cooperano tra di loro in maniera stateless.

I Container, opportunamente configurati, abilitano a migliorare le applicazioni in termini di modularità e scalabilità, ed inoltre incrementano la riusabilità  diminuendo il Time to Business. I container ti abilitano allo sviluppo di applicazioni, smettendo di preoccuparti dei dettagli implementativi, e permettono di rivoluzionare le DevOps.

I vantaggi dei Container

  • Velocizzano lo sviluppo applicativo grazie alla possibilità di essere riusati non solo nell’ambito del proprio team ma con la community internazionale
  • Abilitano allo sviluppo agile grazie alla suddivisione dei confini tra container
  • Migliorano le applicazioni grazie alla diminuzione del cosiddetto “spaghetti code” e delle dipendenze applicative
  • Abilitano la scalabilità delle applicazioni in maniera semplice

Come costruire un’ applicazione con i container in Cloud

Occorre pensare all’applicazione come un insieme di moduli indipendenti e disaccopiati. I vari moduli saranno incapsulati in un gruppo di container che cooperano tra di loro e vengono esposti verso l’esterno per formare un service.
La nostra applicazione, divisa in moduli, necessiterà di essere ospitata da un host docker che la esegua e la esponga verso internet. In questo ci viene aiuto Google che ha creato Kubernetes anche detto K8. K8 è un sistema open source di Orchestrazione.

All’istanza K8 si associano delle macchine virtuali e K8 si occupa di eseguire i container sulle macchine a disposizione, di monitorare il buono stato dei container, di scalare i container in caso di aumento dei carichi di lavoro, e molto altro. In K8, in realtà, non parleremo di containers ma di Pod che rappresenta l’unità atomica per costruire quindi veri cluster. Il Pod è un insieme di container che vivono, vengono creati, scalano, e vengono distrutti insieme. Per portare la nostra applicazione in Cloud quindi prepareremo dei Pod, composti da uno o più containers, deployeremo i nostri Pod su un Cluster K8 e configureremo K8 affinchè esponga i nostri Pod. Potremo poi istruire K8 a scalare la nostra applicazione, ovvero ad aumentare il numero di Pod disponibili.

Glue Labs ed i Container di Kubernetes

Realizziamo container per le tue applicazioni e li portiamo in Cloud, ti supportiamo nella gestione, configurazione, realizzazione e mantenimento dei servizi e dei Pod. Inoltre ti forniamo la nostra consulenza gratuita per l’ospitamento nella Google Cloud Platform grazie al nostro servizio di Google Cloud Hosting.

Contattaci subito senza impegno per maggiori informazioni

Casi di Successo

Il leader mondiale in sistemi di controllo di impianti refrigeranti, umidificazione e aereazione presente in 75 paesi usa le nostre soluzioni Web Application e System Integration per selezionare le componenti industriali e fornire documentazione tecnica in ambiente controllato e sicuro.

Inizia ora il tuo progetto

CONTATTI

Scrivici dal form di contatto

Tel +39 06 87811067
Fax +39 06 99335373

Mail: info@glue-labs.com
Pec: gluelabs@legalmail.it

Dove Siamo
Roma: Piazza Don Sturzo 15
Padova: Via Savonarola 217
Milano: Viale Monza 345
Torino: Via Nizza 262

Nome*

E-mail*

Telefono(per un contatto più rapido)

Come possiamo aiutarti?

Altro che vuoi dirci?

Inviando i tuoi dati accetti le condizioni sulla privacy. Li useremo per rispondere alle tue domande e richieste.

TOP